Frequenza su Facebook ads: la miglior amica del tuo brand

Scritto da Amministratore il .
Per frequenza, si intende il rapporto tra impressions e reach, cioè tra quante volte un’inserzione è mostrata nei feed e il numero di persone che la vedono.
E’ una metrica importantissima perchè:
  1. ci permette di gestire al meglio il Keep in mind, cioè il ricordo.
  2. ci permette di capire se stiamo colpendo in modo corretto l’audience di riferimento
  3. Se contestualizzata nel modo giusto, possiamo costruire brand forti e allo stesso tempo mantenere alte le conversioni.
Analizziamo nel concreto i punti.
  1. se un’utente ti vede più volte con inserzioni diverse, magari con messaggi adatti a tutte le fasi del processo di acquisto, si ricorderà più facilmente di te. Messaggi diversi da uno stesso interlocutore sono visti come una sorta di “dialogo azienda-utente” e quindi più si vedono, più c’è possibilità di ottenere ascolto.
  2. Se la frequenza si alza troppo in alcune fasi del processo di acquisto, può essere un indicatore da analizzare attentamente. Ad esempio, frequenze troppo alte in TOFU (over 5 in 7gg, ad esempio) potrebbero indicare pubblici di destinazione troppo piccoli. Invece, se la frequenza è alta in fase BOFU (anche 20 in 15gg) non è male, soprattutto se si parla di remarketing dinamico perchè tanto non conta quanto paghi un’impression ma quanto vale.
  3. Se la frequenza di visualizzazione delle nostre inserzioni è di almeno 2-3 a settimana possiamo aiutare il nostro brand a diventare familiare per gli utenti. Come dice Facebook nella slide che vi metto nel primo commento (programmo il post, se non c’è il commento, taggami e te lo metto appena riesco), se abbiamo una reach sufficiente (quindi abbiamo un buon numero di persone che han visto i nostri annunci) una frequenza simile ci può aiutare a incrementare le nostre vendite.
Questi 3 motivi quindi vi dovrebbero aiutare a capire che:
  • Come tutti i dati dobbiamo controllare attentamente con scrupolo anche questa metrica
  • Come tutte le metriche non ha senso da sola
  • Come tutte le metriche necessita di un’analisi non solo puntuale ma anche temporale (spesso non ha senso guardare la frequenza su periodi lunghi, ad esempio)
  • Se non stiamo attenti, prendiamo decisioni errate.
Detto questo, quindi, il mio consiglio è di ragionare bene e di cercare di capire la frequenza ottimale per il nostro prodotto, per il nostro business e per il momento e le condizioni esterne.
L’unico modo per capirlo è sperimentare.
Se non sperimenti, sbagli.

La tua presenza online
Con un servizio ideale per il tuo studio

Con Osmd PLatform potrai gestire tutta la tua piattaforma direttamente dal nostro sito. Otterrai la consulenza nei tuoi tempi e potrai incaricare la tua segretaria per la gestione del sito.

Sembra incredibile ma è cosi!

© 2021 Mario Pompilio. All rights reserved. Powered by OSM